Italia a rischio stagnazione, paura per i dazi americani

di Daniele Pace Commenta

L’Italia segna ancora il passo, rispetto al resto dell’Europa, e rimane fanalino di coda per quanto riguarda la crescita economica. La sentenza negativa è espressa dalla Confcommercio, che dati alla mano, parla apertamente di stagnazione italiana, che se dovessero essere attuati i dazi americani sulle esportazioni europee, potrebbe trasformarsi di nuovo in crisi e recessione. Per quest’anno, l’aumento del Pil dovrebbe essere solo del 1,1%, anche se meglio della previsione del 1%, ma nel prossimo anno dovrebbe rallentare già allo 0,8%, mentre la pressione fiscale non accenna a diminuire. Anche l’occupazione non decolla, e le esportazioni italiane sul mercato più importante, quello statunitense, rischiano di essere compromesse dal protezionismo del presidente Trump. I consumi interni sono fermi ad un +0,8%, ma l’anno prossimo dovrebbero scendere di un 0,1%. A questo punto sarebbero fondamentali le esportazioni, aiutate anche dal rafforzamento del dollaro sull’euro, ma Trump potrebbe vanificare l’effetto valutario e imprimere un andamento negativo a molti settori, a partire da quello automobilistico e motociclistico, forse i primi ad entrare nel mirino degli USA per favorire le loro industrie locali. Naturalmente sono molte le proteste da parte delle associazioni produttori, in particolare per i motivi addotti dal governo a stelle strisce, che vuole effettuare una sorta di ritorsione per il mancato ingresso delle carni lavorate con gli ormoni in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>