Acciaio: le varie fasi del rinvenimento

di Redazione Commenta

Il rinvenimento dell’acciaio consiste anzitutto nel riscaldamento al di sotto dell’inizio della trasformazione a caldo del metallo stesso: quest’ultimo, comunque, deve avere subito in via preventiva una tempra, così da far avvenire parzialmente o totalmente le trasformazioni strutturali che la tempra stessa ha ostacolate. Gli scopi di questo procedimento sono tre: prima di tutto, lo si attua per eliminare le tensioni interne ed effettuare una stabilizzazione della struttura, così da evitare successive pregiudizievoli deformazioni. Inoltre, si possono ridurre la fragilità e la rigidità che si riferiscono alle strutture di tempra di grande durezza.

Ultimo, ma non meno importante scopo è quello di migliorare le caratteristiche meccaniche del materiale, andando a omogeneizzare e affinando la struttura in questione. Il trattamento vero e proprio si effettua attraverso il riscaldamento a 130 gradi per diverse ore, le quali possono divenire almeno duecento quando si vogliono evitare delle deformazioni anche molto piccole. Usando degli acciai al cromo, le già citate duecento ore si riducono a trenta-quaranta, ma sono necessari anche parecchi giorni quando si vuole evitare che vi siano delle deformazioni minime, come avviene, ad esempio, per gli strumenti campioni relativi alle misure di lunghezza o gli strumenti verificatori di grande precisione. Il trattamento appena descritto viene di solito chiamato “stagionatura”. In aggiunta, bisogna precisare che il trattamento deve essere eseguito immediatamente dopo la tempra; anzi, quando è possibile, è consigliabile sfruttare il momento in cui il pezzo possiede ancora un centinaio di gradi di temperatura.

In questa maniera, si eviteranno delle rotture o delle dannose deformazioni. Per gli acciai a carbonio, infine, la temperatura del rinvenimento deve essere compresa tra i duecento e i trecento gradi. Dopo l’operazione, la durezza dell’acciaio sarà diminuita in modo tanto maggiore quanto più alta sarà stata la temperatura e quanto più lungo il riscaldamento sarà stato mantenuto (ovviamente, bisogna sempre andare a rispettare dei limiti ben precisi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>