Ad Asti si riqualifica la zona industriale col MoMa.Biz

di Redazione Commenta

Si chiama MoMa.Biz, ma altri non è che la riqualificazione della zona industriale di Asti, più precisamente quella che si trova alla periferia di Corso Alessandria: in pratica, comune e provincia hanno deciso di aderire a un progetto europeo, vale a dire MoMa.Biz. L’acronimo in questione sta a identificare proprio il Mobility Management in the Business and Industrial Zones, con il relativo finanziamento economico che è stato garantito dall’Agenzia Esecutiva per la Competitività e l’Innovazione della Commissione Europea (Eaci). L’obiettivo di Bruxelles è sostanzialmente quello di raggiungere obiettivi che hanno a che fare con l’ambiente entro il 2020.

Non c’è solamente il nostro paese che fa parte di tale iniziativa, ma anche nazioni come la Spagna, la Bulgaria, l’Estonia e la Gran Bretagna. Come si caratterizza la zona industriale astigiana? Nel dettaglio, quest’ultima vanta 189 aziende, con una buona presenza di quelle di dimensioni ridotte, senza dimenticare i 2.100 dipendenti che vi lavorano. Con MoMa.Biz, dunque, si punta a migliorare l’accessibilità ad aree come questa, definendo nel dettaglio la mobilità locale. In effetti, molto spesso tali aree si trovano situate in zone lontane e periferiche.

Ad Asti sono necessari diversi cambiamenti e inversioni di tendenza. In particolare, a Corso Alessandria va realizzato quanto prima un servizio di taxibus, un progetto che andrebbe a garantire il trasporto dalla stazione ferroviaria locale fino all’area industriale di cui si sta parlando. La tariffa prevista è pari a otto euro. Non si deve dimenticare, poi, l’accordo Jungo, vale a dire quello utile per la promozione dell’uso condiviso e sicuro dell’automobile per arrivare al posto di lavoro. In conclusione, va citato anche il movibyte, una installazione presso le imprese della zona industriale di monitor che forniscano informazioni sugli orari del trasporto pubblico che circola nei pressi dell’area stessa, così da poter avere un collegamento ben fatto ed efficiente da vari punti di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>