Design industriale: The future is è il tema della conferenza dell’Idsa

di Redazione Commenta

Il titolo è emblematico e consente di effettuare una serie di riflessioni importanti: “The future is” è il tema della conferenza internazionale di quest’anno della Industrial Designers Society of America’s, meglio conosciuta con la sigla Idsa, un evento che andrà a coinvolgere personaggi di spicco delle imprese e del settore del design industriale per scoprire quali saranno quelle persone che in futuro potranno creare e dar vita a nuovi progetti insieme. Di cosa si discuterà esattamente?

Vi saranno ben cinque sessioni diverse, vale a dire, traducendo i titoli che sono già stati scelti, il business del design, gli aspetti futuri, il design medico e della salute, il design sociale e sostenibile e infine quello della formazione didattica. Le altre conferenze interne a questa manifestazione, inoltre, andrà a coinvolgere un simposio sull’educazione, altre discussioni congiunte, degli appositi workshop e circa una dozzina di attività correlate, senza dimenticare i tour che saranno resi possibili negli studi di disegno industriale della città di Boston. Come ha spiegato chiaramente Charles Austen, numero uno di Idsa, l’obiettivo principale che si intende perseguire è quello di creare un dialogo sull’argomento che possa essere il più interattivo e vibrante possibile, focalizzando l’attenzione sulle questioni che maggiormente coinvolgono il futuro del design. Le adesioni sono già doppie rispetto all’edizione precedente, segno che l’interesse è crescente.

Per l’appunto, si cercherà di fornire risposte adeguate a domande piuttosto sibilline: ad esempio, come si può produrre e sostenere un buon futuro attraverso l’innovazione e quale ecosistema di creatività deve essere adottato perché ciò accada? Oppure, che cosa si intende con il termine “tecnologia buona” e come può consentire di raggiungere un alto livello di coesistenza? Insomma, c’è un grande stimolo nell’affrontare gli argomenti che hanno a che fare con le generazioni future. D’altronde, il prestigio dell’Idsa dura ormai dal momento della sua fondazione, nel 1965, tanto che il design industriale deve molto alle sue conquiste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>