Industria pesante: i nuovi azionamenti di Sprint Electric

di Simone Ricci Commenta

Il settore dell’industria pesante potrà beneficiare a breve di azionamenti in corrente continua nuovi e interessanti: si tratta delle innovazioni che la società Sprint Electric ha deciso di presentare e rendere note nel corso della fiera Sps/Ipc/Drives di quest’anno a Norimberga, in Germania. Entrando maggiormente nel dettaglio, l’azienda britannica ha scelto di puntare su azionamenti digitali della serie Plx, per un totale massimo di 2.250 ampere (980 chilowatt per la precisione). Questi strumenti sono la soluzione industriale più utile per il controllo dei motori in corrente continua, più precisamente quando c’è bisogno di lavorare i metalli, di perfezionare attività collegate all’acciaio, al settore minerario, del cemento e della gomma, senza dimenticare tutti gli altri comparti che compongono l’industria pesante.

Il sistema di controllo è di tipo decentralizzato, quindi si possono tenere d’occhio gli azionamenti tramite Ethernet, senza che vi sia bisogno di un pc di controllo. La serie in questione, inoltre, viene messa a disposizione in due versioni distinte: la prima consiste in due quadranti, mentre la seconda è di tipo rigenerativo, con tanto di quattro quadranti. In ogni caso, comunque, è presente la doppia opzione relativo all’ingresso dell’alimentazione a tre fasi. Un ulteriore vantaggio da menzionare, poi, è quello dell’installazione degli azionamenti, oltre allo sfruttamento dei cavi elettrici già esistenti.

La versione da 690 volt in corrente alternata permette di fare affidamento su dei motori che hanno una tensione di armatura pari a 750 volt in corrente continua: di conseguenza, la potenza dell’albero risulta essere senza dubbio maggiore, con un incremento di cinquanta punti percentuali, senza che i cavi siano più grandi. Vi sono vari strumenti per la configurazione grafica che garantiscono ottime funzioni dal punto di vista della diagnostica e dell’impostazione degli azionamenti di una rete. Infine, la tecnologia di controllo citata sopra è una delle più convenienti in assoluto, soprattutto quando si parla di sistemi di grandi dimensioni e di estrema complessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>