Leghe metalliche: la miscela della ledeburite

di Redazione Commenta

La ledeburite è il nome che viene assegnato in ambito metallurgico all’eutettico (la miscela di sostanze per intenderci) della lega composta dal ferro e dal carbonio: in pratica, questo insieme di sostanze contiene il 4,3% di carbonio e tutto il resto viene riservato al ferro, il quale è, di conseguenza, dominante. La ledeburite si tende a formare nel corso della solidificazione, quando si ha a che fare con condizioni precise di metastabilità (la condizione di equilibrio sancita dalla fisica) delle leghe che contengono usualmente il carbonio in misura superiore all’1,7%. In quest’ultimo caso, si parla molto più propriamente e genericamente di “ghise bianche”, le quali beneficiano di una temperatura molto elevata, pari a circa 1145 gradi.

Con una temperatura del genere, la ledeburite risulta essere costituita da austenite e cementite; al contrario, quando vi sono delle temperature che possono essere considerate come ordinarie, la stessa lega metallica viene caratterizzata dalla presenza contemporanea di perlite e cementite, a causa, in particolare, della decomposizione a cui è soggetta l’austenite. La ledeburite tende a dividere le ghise bianche in due classi sostanziali, come si può dedurre in modo perfetto dall’osservazione del diagramma di stato (il grafico in questione riporta in ascissa la temperatura, mentre l’ordinata riporta la pressione).

Si tratta, nello specifico, delle ghise ipoeutettiche, le quali presentano un tenore di carbonio che è inferiore al 4,3% e che sono anche composte in larga misura da perlite, ledeburite e cementite in forma libera: l’alternativa è invece rappresentata dalle ghise ipereutettiche, con un tenore di carbonio che è superiore al 4,3% e che sono composte di cementite e ledeburite. All’esame del microscopio, poi, tale miscela di sostanze è solita presentare un insieme di macchie scure su un fondo piuttosto chiaro. Infine, una caratteristica peculiare e molto interessante riguarda la velocità di raffreddamento, in molti casi piuttosto veloce, ma anche media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>