La riqualificazione dell’ex sugherificio Robinson di Portalegre

di Redazione Commenta

Portalegre, comune portoghese di circa 26mila abitanti, situato nel distretto omonimo: è qui che tra il 2007 e lo scorso anno è stato realizzato un interessante progetto di riqualificazione industriale che è andato a coinvolgere l’ex sugherificio Robinson. Il merito di tale opera si deve a due progettisti, vale a dire Eduardo Souto de Moura e Graça Correia, i quali si sono avvalsi di diversi collaboratori per il loro lavoro. Il risultato finale merita un approfondimento, in quanto è riuscito a mantenere inalterata la memoria storica del sito industriale in questione, recuperando in maniera appropriata tutto il patrimonio e tutelandone l’identità.

Lo spazio, poi, è stato occupato in modo tale da far fondere il tessuto industriale con quello urbano. Una volta delocalizzate le attività produttive dello stabilimento, si è venuto a creare uno spazio vuoto di circa sessantamila metri quadrati: in pratica, si è scelto di definire in altra maniera le funzioni degli edifici e di recuperare una buona porzione di patrimonio industriale. Tra l’altro, non è stata dimenticata nemmeno la sostenibilità dal punto di vista ambientale. Una delle innovazioni di maggiore spicco è stata senza dubbio quella della strada nuova che con piazze e spazi multifunzionali è riuscita a unire le due versioni della zona. L’obiettivo è stato infatti quello di far sopravvivere l’impianto originale e di far coesistere quest’ultimo con gli ampliamenti successivi.

La riqualificazione, poi, ha ricompreso anche la Scuola Alberghiera e Turistica della città lusitana. L’istituto in questione è stato ribattezzato come “scatola”, con due corpi chiusi da un lato e il volume principale che contiene al suo interno le infrastrutture principali. I camini e i lucernari sono l’ideale completamento della scatola stessa. Nelle aule, dettaglio non trascurabile, c’è una ventilazione molto efficace. L’intero progetto appena descritto ha partecipato alla nona edizione del Premio Internazionale Architettura Sostenibile di giugno scorso, destando un buon interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>