Gli utilizzi industriali della vaselina

di Redazione Commenta

Spesso se ne parla quasi con imbarazzo per via dei suoi utilizzi “particolari”, ma la vaselina merita comunque di essere approfondita dal punto di vista industriale. Che cosa è esattamente? Si tratta di una miscela chimica di idrocarburi, i quali vantano un elevato numero di atomi di carbonio, per la maggior parte saturi della serie paraffinica e naftenica, senza dimenticare le quantità più piccole di idrocarburi non saturi che fanno parte della serie etilenica e di quella diolefinica. La vaselina si presenta in genere come una massa semisolida, omogenea, molto untuosa, filante, leggermente fluorescente, di colore bianco se pura e giallastra o bruna quando è invece impura.

La miscela chimica in questione, inoltre, risulta essere molto solubile nella gran parte dei solventi di tipo organico, mentre è insolubile sia in acqua che in glicerina. Essa può essere ottenuta dalla distillazione frazionata di alcuni petroli oppure la si può preparare andando a trattare con oli minerali la paraffina. La vaselina, poi, esiste in commercio in diverse tipologie, le quali sono confrontabili in base al loro grado di purezza. L’industria farmaceutica è senza dubbio quella che la sfrutta maggiormente. L’impiego principale, infatti, è questo, insieme a quello dell’industria dei cosmetici, più precisamente per la preparazione di pomate e unguenti.

Non va dimenticata però l’industria degli esplosivi. Forse in pochi sanno che la vaselina è molto utile anche per dar vita alla produzione di polveri senza fumo, visto che in precedenza si è parlato della glicerina, fondamentale da questo punto di vista. In aggiunta, essa viene utilizzata perfino come antiossidante e per contrastare gli effetti della ruggine, per non parlare dei lubrificanti, dei saponi e delle creme per le calzature. Questo petrolato è stato prodotto per la prima volta in assoluto dalla società americana Chesebrough Manufacturing nel 1872, grazie alla intuizione dell’inventore Robert Chesebrough, il quale non tardò a brevettare il processo industriale che aveva scoperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>