Industria metallurgica: l’alluminotermia

di Redazione Commenta

L’alluminotermia è il processo inventato da Heinrich Jacob Goldschmidt nel 1894 e basato sulle proprietà dell’alluminio finemente suddiviso di reagire con gli ossidi metallici, formando ossido di alluminio e lasciando il metallo praticamente puro. L’industria metallurgica ne fa ampio uso. L’operazione industriale a cui si sta facendo riferimento viene perfezionata all’interno di un apposito crogiuolo, in cui si mescolano la polvere di alluminio e l’ossido metallico. La reazione viene innescata, ad esempio, con una cartuccia di biossido di bario e alluminio in polvere e procede in maniera violenta con un grande sviluppo di calore (si raggiungono infatti temperature di circa 2.600-2.800 gradi e anche oltre).

Il metallo in questione così ridotto viene raccolto in fondo al crogiuolo, mentre la scoria di alluminio galleggia. Il processo a cui si sta facendo riferimento viene sfruttato, in particolare, per la produzione di alcuni metalli, come il cromo, il manganese e il tungsteno, senza dimenticare le leghe (ferro-cromo e ferro-manganese) allo stato di grande purezza. Esso viene usato in maniera corrente anche per ottenere la saldatura delle rotaie delle ferrovie, utilizzando un miscuglio di alluminio e di ossido di ferro in polvere: quest’ultimo viene posto in un altro crogiuolo speciale, il quale abbraccia le estremità affacciate delle due rotaie.

Una volta fatta l’accensione, la miscela tende a bruciare in modo istantaneo e il ferro puro che si viene a formare, colando attraverso un foro nella parte inferiore del crogiuolo, riempie lo spazio tra le rotaie che sono portate a incipiente fusione e saldamente collegate tra loro. Si procede poi con la sbavatura e con la molatura della superficie di rotolamento. Tra l’altro, la reazione alla base di tutto ciò era alla base del processo alluminotermico: la miscela ottenuta, chiamata termite, era alla base non solo della saldatura delle rotaie come appena spiegato, ma perfino di alcuni tipi di bombe incendiarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>