Foba propone cinque nuovi marcatori laser a fibra

di Redazione Commenta

Foba, società tedesca (la sede italiana si trova a Busto Arsizio) che è attiva nello sviluppo, nella realizzazione e nella commercializzazione dei prodotti per la marcatura e l’incisione laser, ha introdotto di recente cinque nuovi prodotti di questo tipo: si tratta, nello specifico, di marcatori laser a fibra, le cui applicazioni sono davvero numerose.

Le denominazioni si assomigliano, ma identificano degli strumenti differenti, ma comunque Foba Y.0100-fc, Y.0200-fc, Y.0300-fc, Y.0301-fc e-fc Y.0500 rappresentano tutti delle soluzioni flessibili e piuttosto compatte da questo punto di vista. Tra i vantaggi che possono essere annoverati figurano senza dubbio l’affidabilità, la velocità di esecuzione e l’efficienza operativa, tanto che si può parlare a ragione della scelta più azzeccata per la marcatura dei metalli e per quella della plastica. Il gruppo di Lüdenscheid ha voluto introdurre queste novità in modo da configurar i propri sistemi alle varie applicazioni di tipo industriale: si sta parlando, dunque, di una piattaforma di controllo molto utile, la quale si distingue anche per il fatto di essere utilizzata senza che un personal computer sia necessariamente collegato.

Questi laser sono disponibili in commercio, come si è intuito facilmente, in diverse classi per quel che concerne la potenza e la larghezza dell’impulso stesso. I comparti industriali coinvolti sono numerosi, ma si possono menzionare le lavorazioni sul metallo industriale, il settore elettronico, l’approvvigionamento, la tecnologia medicale e di sicurezza e perfino la marcatura delle schede telefoniche, un settore di cui non si parla spesso come si dovrebbe. D’altronde, Foba è attiva a livello internazionale e i suoi prodotti sono ampiamente apprezzati: la sua leadership è stata raggiunta focalizzando l’attenzione sugli ambiti più sofisticati, garantendo sempre sistemi caratterizzati da alta qualità e tecnicità. Gli altri materiali su cui sono concentrati i principali studi sono la ceramica, il legno, la carta e il cartone, le pietre, il silicio, il vetro, i nastri e le pellicole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>