Il robot industriale

di David Commenta

 Per rendere la produzione industriale più rapida e più qualitativa viene usato il robot industriale, che fa la sua comparsa nel settore intorno agli Anni 70.

Ecco la definizione che ne dà la norma ISO TR/8373-2.3 è : “Un manipolatore con più gradi di libertà, governato automaticamente, riprogrammabile, multiscopo, che può essere fisso sul posto o mobile per utilizzo in applicazioni di automazioni industriali”.

Questi sono divisi in: robot articolati, robot SCARA e robot cartesiani. Nella robotica generale un gran numero di robot viene catalogato sotto l’etichetta dei bracci robotizzati e sono classificati in tre livelli:

  • Robot di primo livello, che vengono programmati per svolgere operazioni ripetitive senza alcuna variazione e con un alto grado di precisione.
  • Robot di secondo livello, che sono molto più flessibili dei precedenti. Sono dotati di sistemi che gli permettono di identificare l’oggetto e apportare variazioni di gestione e di traiettoria.
  • Robot di terzo livello, che per mezzo di reti neurali sono in grado di prendere decisioni in maniera autonoma, non previste dal costruttore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>