Accordo Confindustria-Sindacati sul lavoro

di Daniele Pace Commenta

L'accordo è stato raggiunto nella sede degli industriali ed è costituito da due livelli di contrattazione, uno nazionale e l'altro territoriale. Introdotti il Trattamento economico complessivo (Tec) e anche il Trattamento economico minimo (Tem).

Accordo Confindustria-SindacatiLa Confindustria e i Sindacati hanno raggiunto un nuovo accordo sul lavoro, per una sciluppo congiunto dell’economia italiana che possa portare benessere anche alle famiglie, e rilanciare i consumi interni.

Per Confindustria c’era il presidente Vincenzo Boccia, mentre per i sindacati i segretari generali di Cgil, Susanna Camusso, di Cisl Annamaria Furlan, e di Uil e Carmelo Barbagallo.

Si tratta di un testo per un nuovo modello contrattuale e di relazioni industriali da firmare il 9 marzo, dopo una verifica attenta dei dirigenti.
L’accordo è stato raggiunto nella sede degli industriali in piena notte, ed è costituito da due livelli di contrattazione, uno nazionale e l’altro territoriale. Sono stati stabiliti i fattori di calcolo per gli aumenti salariali. Inoltre ci sono due importanti novità come il Trattamento economico complessivo (Tec) e anche il Trattamento economico minimo (Tem).
Per arginare i contratti pirata, è stata introdotta la misurazione della rappresentatività delle aziende, per evitare associazioni tra imprese al fine di fare cartello sui contratti e trarre vantaggi sui lavoratori.
Si tratta di un accordo di sviluppo per l’Italia, con cui rimodulare i rapporti tra imprenditori e sindacati, aumentare la produttività, i salari e la formazione. Un accordo per migliorare insieme, sindacati e industriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>