Gli impieghi delle spazzolatrici a livello industriale

di Redazione Commenta

La denominazione di “spazzolatrice industriale” viene di norma affibbiata a quelle macchine che sono impiegate nelle industrie per la pulitura delle superfici di diversa natura: nell’ambito dell’industria tessile, ad esempio, la spazzolatrice viene utilizzata per praticare su alcuni tipi di tessuti a pelo (quali il velluto, in primis), l’operazione di fissaggio che consiste nell’asportare la polvere, sollevare e poi lisciare il pelo, oppure produrre degli effetti speciali. In questo caso, dunque, la macchina viene ad essere costituita, nella sua struttura essenziale, da spazzole cilindriche che possono operare nel senso della trama, nel senso dell’ordito oppure anche in senso obliquo. Quando invece si ha a che fare con l’industria delle costruzioni in metallo, la spazzolatrice è qualcosa di diverso, più precisamente l’utensile con il quale si effettua la pulizia delle superfici metalliche appunto.

In questo caso, invece, essa è costituita da una spazzola, sempre realizzata in metallo, e dalle caratteristiche rotanti, mediante la quale si può esercitare un’azione di tipo abrasivo sulle superficie su cui si deve intervenire al momento della lavorazione industriale. Anche l’industria molitoria, però, conosce molto bene le spazzolatrici. Nel dettaglio, la macchina sfruttata in tal senso ha un compito ben preciso, vale a dire quello di privare i granelli del frumento o di altri tipi di cereali delle ariste e degli involucri. Un altro tipo di spazzolatrice viene poi usata anche per pulire e lucidare alcuni frutti, come ad esempio le mele, le pere, le pesche e molti altri prima di metterli in commercio.

Questi ultimi vengono fatti scendere da una tramoggia sopra un apposito piano inclinato, in cui incontrano una serie di spazzole di crine, le quali sono poi azionate da un motore elettrico; la fase successiva prevede, infine, che vi sia una disposizione in un piano orizzontale al di sopra del piano di discesa dei frutti. Il termine è quindi strettamente collegato al vasto universo industriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>