Imprese vincenti: Laura Ferrari e i formaggi dell’Alta Val Taro in Asia

di Daniele Pace Commenta

camoscioParlare delle imprese italiane vincenti all’estero è sempre un piacere, tanto più se si parla di prodotti di qualità come i formaggi dell’Alta Val Taro e della patron Laura Ferrari.

Nel caseificio di Bedonia si producono formaggi dal profumo intenso che stanno conquistando l’Asia e l’India in particolare.
Oggi ha 180 dipendenti e 123 milioni di euro di fatturato, ma soprattutto produce in modo sostenibile.

L’azienda Ferrari

L’azienda, con un nome importante per un’altra famosa azienda, nacque nel 1823, ma è stata completamente rifondata dall’attuale patron, per adeguarsi al mondo globalizzato. Ma sempre in modo ecologico e sostenibile.

Laura Ferrari è un avvocato con un master in marketing, ma si è sempre dedicata all’azienda di famiglia. Quest’anno l’azienda ha cambiato molto, a partire dai vertici. Le sorelle Silvia e Claudia, che prima di occupavano attivamente della produzione e del marketing, oggi sono solo nel consiglio di amministrazione.

Ma l’azienda ha sempre avuto un’impronta innovativa, e già negli anni ’80 produsse e confezioni di parmiggiano e pecorino grattugiati, che sono un quarto del fatturato di oggi. Poi le partnership in Svizzera. l’acquisizione del nuovo caseificio per il Parmigiano reggiano a Bedonia, nel 2008 e la partnership con Slowfood. Ma il marchio ‘Giovanni Ferrari’ produce anche ‘Camoscio d’oro’ e ‘Caprice de dieux’ con i soci francesi. L’azienda è presente in tutta Europa, ma sul mercato del futuro, l’Asia, che sta puntando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>