Prodotti industria alimentare: la crisi della carne rossa

di David Commenta

La Coldiretti Piemonte ha lanciato l’allarme per la carne rossa, che sta vivendo in una vero e proprio periodo di crisi.

Periodo che va ricercato nel poco uso che ne fanno le famiglie a causa delle crisi economica, nell’assenza di questa tipo di carne nelle diete e l'”ostracismo” delle scuole, restie a dare ai proprio alunni cibi basati sulla carne rossa.

In più, il settore agricolo, per produrre la carne rossa di qualità, deve utilizzare determinati alimenti per gli animali, soprattutto i cerali, che nell’ultima stagione hanno visto lievitare i loro prezzi.

Fattori che hanno portato la Coldiretti Piemonte a prendere provvedimenti, che nella pratica si traducono in: mantenere alta la qualità della carne, rilanciare i consumi e riconoscere agli allevatori il prezzo appropriato per il loro lavoro.

Questi provvedimenti si ramificano in rapporti con le istituzioni per una campagna a favore delle carni rosse, e in quelli con gli allevatori per rendere il prodotto più appetibile. In linea generale l’obiettivo di Coldiretti è teso a sponsorizzare una campagna di informazione sulla carne rossa, partendo soprattutto da più giovani.

Marcello Gatto, membro di Giunta Coldiretti, e Bruno Rivarossa, direttore di Coldiretti Piemonte hanno così fotografato il problema:

“Riteniamo che la crisi dei consumi di carni rosse possa essere superata ancora una volta con la stretta alleanza con i consumatori e le loro associazioni anche per promuovere una corretta informazione che riporti il giusto equilibrio nelle diete alimentari di tutti i giorni.

Dall’altra, occorre evidenziare gli sforzi compiuti dal mondo economico per rendere di facile e veloce utilizzo le carni rosse in cucina. Non possiamo però non evidenziare come la grande distribuzione organizzata manchi spesso all’appello in termini di collaborazione reale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>