Approvato l’impianto industriale catanese dedicato alle rinnovabili

di Redazione Commenta

L’ok di Bruxelles è un via libera fondamentale per quel che concerne l’investimento che andrà a coinvolgere la città di Catania: la Commissione Europea, infatti, ha fornito il proprio parere positivo al plafond da 24,5 milioni di euro che provengono dal Fondo di Sviluppo Regionale Europeo (conosciuto anche con la sigla Fesr) e che servirà a finanziare la realizzazione di un importante impianto industriale nella città siciliana. In pratica, lo stabilimento in questione sarà destinato appositamente alla produzione di tecnologie nuove di zecca per quel che concerne il comparto delle energie rinnovabili. Di cosa si tratta nello specifico?

Anzitutto, bisogna rilevare come l’investimento finanziario totale per il programma complessivo (il che vuol dire che occorre includere anche i fondi pubblici) sarà pari a 537 milioni di euro. Le dichiarazioni rilasciate da Johannes Hahn, commissario europeo per quel che concerne la Politica Regionale, sono state molto interessanti: a suo dire, infatti, l’intento principale è quello di sostenere e promuovere l’eccellenza nel campo delle rinnovabili, cercando il più possibile di tradurre le buone idee e i progetti in delle opportunità economiche per la regione. In aggiunta, un simile sostegno vuole far capire che la politica regionale e moderna e orientata al futuro allo stesso tempo.

Tra l’altro, non si possono dimenticare gli altri vantaggi di una iniziativa simile. Ad esempio, infatti, si parla già della creazione di un buon numero di posti di lavoro nella regione, ma il lato positivo sarà non soltanto a favore del livello locale, ma anche di quello nazionale, con l’Italia che avrà la possibilità di affrontare meglio i propri impegni in questo settore, tutelando e creando lavoro altamente qualificato. Per quel che concerne, infine, il funzionamento vero e proprio di tale impianto industriale, la produzione complessiva sarà pari a 240 megawatt, con lo sviluppo fondamentale di nuove tecnologie in relazione al fotovoltaico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>