Chimica industriale: i composti metallorganici

di Redazione Commenta

I composti metallorganici, conosciuti anche come “organometalli”, sono quelli che, nell’ambito della chimica industriale, contengono l’atomo del metallo che è legato direttamente al carbonio di radicali organici. Di solito, si identificano gli organometalli come semplici, nel momento in cui i composti risultano dall’unione del metallo a radicali organici, come ad esempio possono esserlo lo zincodimetile.

Al contrario, sono definiti come “misti” quegli organometalli che contengono il metallo legato in parte a dei radicali organici e in parte a radicali acidi, in primis lo ioduro di zincometile. I metodi con cui si preparano i composti metallorganici in questione sono davvero svariati: tra l’altro, sono in alcuni casi, molto limitati a dire la verità, si può parlare con correttezza di metodi generali di preparazione. Uno dei composti organometallici che è più famoso e maggiormente sfruttato è senza dubbio il piombo tetraetile. Di cosa si tratta esattamente? Questo piombo è conosciuto anche con la sigla Tel e non è altro che un composto tossico che è stato sfruttato ampiamente dal settore petrolchimico come additivo nella benzina, in modo da aumentarne la resistenza alla cosiddetta auto-accensione (il numero di ottano se si vuole proprio essere precisi).

Il primo utilizzo è scoperta sono stati realizzati da Thomas Midgley presso il dipartimento di ricerca della General Motors, il colosso americano dell’automobile, nel 1921. Poi, progressivamente si scoprì la tossicità di questo composto, visto che molti ricercatori che si erano dedicati al suo studio si ammalarono e in alcuni casi morirono. Nel 1924, inoltre, cominciò la commercializzazione vera e propria, con la compagnia Ethyl Gasoline Corporation che avviò il processo in questione. Anche il nostro paese non è stato da meno da questo punto di vista. Ad esempio, a Trento e Fidenza sorgevano importanti industrie chimiche per la produzione del piombo tetraetile, anche se poi negli anni Settante divennero sempre più numerose le iniziative per metterlo al bando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>