Le conseguenze della Rivoluzione Industriale: la produzione di massa

di Simone Ricci Commenta

 Con il termine “produzione di massa” si intende solitamente la tecnica di produrre delle grandi quantità di oggetti a basso costo per mezzo di una sistematica organizzazione di uomini e macchine: gli elementi che la caratterizzano sono diversi, quindi è necessario approfondirli uno per uno. Anzitutto, gli oggetti che sono prodotti devono avere le medesime caratteristiche (si tratta della cosiddetta “standardizzazione”). Ma non basta. In effetti, le diverse parti che vanno a comporre un oggetto devono anche essere intercambiabili tra di loro e questo comporta una lavorazione di alta precisione, tale che le parti si adattino l’una con l’altra.

La fabbricazione stessa, poi, deve essere meccanizzata, in modo da ottenere un grande volume di produzione, senza dimenticare che è indispensabile una perfetta organizzazione del lavoro basata su una minuziosa divisione dello stesso. La produzione di massa fu la logica conseguenza della rivoluzione industriale. Le operazioni svolte a mano che caratterizzavano il vecchio artigiano furono sostituite da operazioni compiute e realizzate invece con la macchina. A quest’ultima, in aggiunta, furono applicati i nuovi motori: il motore a vapore fu la prima introduzione in assoluto, mentre in seguito furono preferite le turbine, sempre azionate dal vapore, il motore elettrico e le turbine azionate dal gas, una evoluzione industriale continua.

La macchina utensile fu il concetto nuovo di questa produzione; in pratica, la macchina in questione era in grado di fabbricare altre macchine e fin dall’Ottocento utensili molto utili come il tornio, il trapano, l’alesatrice, la limatrice e la piallatrice avevano conseguito una efficienza importante, tanto da essere molto precise al momento della lavorazione. Nel corso dello stesso XIX secolo, infine, gli Stati Uniti divennero la nazione più importante al mondo per quel che concerne l’industria. La standardizzazione e l’intercambiabilità delle parti furono comprese, assimilate e sviluppate ulteriormente, tanto da dar vita a una vera e propria linea di montaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>