Economia industriale, riprendono gli ordinativi interni

di Redazione Commenta


Dall’ultima tornata di dati diffusi dall’ISTAT sullo stato dell’industria italiana emergono alcune tendenze interessanti per l’economia industriale del Paese. In un quadro che globalmente mostra ancora chiari segnali di debolezze è comunque significativo l’andamento trimestrale degli ordinativi all’industria provenienti dal mercato interno.

I dati riferiti al mese di ottobre 2014 mostrano come gli ordinativi per l’industria siano complessivamente cresciuti dello 0,1% rispetto al mese precedente. Tuttavia se gli ordinativi esteri hanno registrato una flessione dell’1,9% gli ordinativi dal mercato interno sono invece cresciuti di 1,5 punti percentuali. Un dato rilevante quindi per l’economia industriale in un contesto che rimane globalmente difficile.

Un quadro simile emerge esaminando i dati trimestrali del periodo agosto – ottobre. In questo arco temporale gli ordinativi sono calati dello 0,7% rispetto al trimestre precedente. Il bilancio negativo è però sintesi di un calo marcato degli ordinativi esteri (-2,4%) mentre gli ordinativi interni segnano una crescita dello 0,6%.

In termini di analisi dell’economia industriale sono interessanti anche i numeri su base tendenziale. Ad ottobre 2014 gli ordinativi dell’industria sono in calo dello 0,2% rispetto ad ottobre 2013. Anche in questo contesto però ad un calo degli ordinativi esteri (-1,0%) fa da contraltare un aumento dello 0,4% degli ordinativi interni.

Considerando invece i dati cumulati dei primi dieci mesi del 2014 gli ordinativi dell’industria sono cresciuti dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2013. Per effetto delle tendenze della prima parte dell’anno, tale crescita è dovuta essenzialmente al mercato estero che ha registrato un buon +2,8%. Tra gennaio ed ottobre per l’economia industriale è invece nulla la variazione degli ordinativi interni.

[Via | ISTAT]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>