Resistenza dei materiali: la prova di durezza Rockwell

di Redazione Commenta

La prova di durezza Rockwell è una delle più importanti a livello industriale per testare la resistenza dei materiali. Questa prova si svolge andando a comprimere la superficie del materiale stesso da provare mediante un penetratore (costituito da una sfera o da un cono), sottoposto all’azione di un carico prestabilito e misurando l’approfondimento del penetratore stesso: la durezza Rockwell può essere determinate mediante il penetratore a sfera oppure con un penetratore a cono. Vi sono due specifiche formule in tal senso, rispettivamente ai valori 130 e 100 deve essere sottratto l’approfondimento del penetratore, il quale viene ad essere determinato secondo specifiche modalità.

I penetratori stessi possono essere di vari tipi, ad esempio caratterizzati da una sfera di acciaio indurito che ha un diametro di 1,59 millimetri, da impiegare per materiali la cui durezza è compresa tra venti e cento Rockwell, ma anche quelli costituiti da un cono di diamante con angolo al vertice di centoventi gradi e una punta arrotondata con raggio di 0,2 millimetri. In aggiunta, si può perfino optare per dei penetratori particolari. Come si esegue questa prova nello specifico? La superficie deve essere liscia e accuratamente levigata. La preparazione stessa necessita di poche alterazioni del materiale, in particolare quelle che sono dovute al riscaldamento o all’incrudimento.

Nel caso di superfici curve, il raggio di curvatura deve essere non inferiore ai cinque millimetri: la prova su superfici curve che hanno un raggio di curvatura minore può tuttavia essere eseguita attraverso una particolare convenzione. Inoltre, la superficie su cui si esegue la prova Rockwell deve risultare quanto più possibile perpendicolare alla direzione del carico. Lo spessore del pezzo nel punto da provare deve essere, poi, tale che nessuna traccia della prova possa apparire sulla faccia opposta del pezzo; in ogni caso, questo specifico spessore non può essere in nessun caso inferiore di dieci volte rispetto all’approfondimento che andrà ad attuate il penetratore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>