Ventunesimo calo consecutivo per l’industria italiana a settembre 2013

di Redazione Commenta

Nel mese di settembre 2013 l’industria italiana ha fatto registrare il suo ventunesimo calo consecutivo su base annua. A certificarlo è l’Istat, che dimostra anche come, sulla base dei grandi numeri e dello scenario macroeconomico, l’Italia sia ancora lontana dalla ripresa vera e propria. 

La produzione industriale europea cala dello 0,5% a settembre 2013

Vero è, tuttavia, che nel mese di settembre 2013 i dati dell’industria italiana hanno fatto anche registrare un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente, quello di agosto 2013, segno che qualcosa, nonostante, tutto, si sta piano piano muovendo. Resta però il dato della variazione annua negativa, nel nono mese dell’anno, pari al -1%, dato che impiegherà forse ancora altro tempo a tornare su binari positivi.

Cresce la produzione industriale a settembre 2013 per l’Istat

Secondo l’Istat, però, un accenno di miglioramento deve essere ravvisato nell‘incremento degli ordinativi che è stato possibile registrare sempre nel mese di settembre 2013, mese in cui si è avuto un aumento su base annua pari al 7,3% degli ordini e un incremento su base congiunturale degli stessi  dell’1,6 per cento. Rispetto al passato, inoltre, l’aumento tendenziale degli ordinativi è stato il miglior risultato conseguito a partire dal mese di maggio 2011. E’ stato soprattutto il mercato estero a spingere questo buon risultato.

Per quanto riguarda invece il fatturato, nel mese di settembre 2013 è cresciuto del 4,4% nel mercato estero ed è diminuito del 3,3% su quello interno. A livello congiunturale sono stati soprattutto i beni strumentali e quelli energetici ad interagire con il fatturato, mentre hanno subito una particolare flessione i beni intermedi e quelli di consumo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>