Aree di Sviluppo Industriale: accordo tra Basilicata e Veneto

di Redazione Commenta

I circa novecento chilometri che separano due regioni così diverse come il Veneto e la Basilicata sono stati completamente annullati dall’accordo raggiunto tra le due giunte per quel che riguarda l’ambito industriale: in effetti, l’obiettivo è proprio quello di accomunare il più possibile le competenze, le capacità e le buone pratiche dei consorzi territoriali, delle piccole e medie imprese e degli enti di ricerca, in modo da perfezionare lo sviluppo sostenibile e l’efficienza dal punto di vista energetico per quel che riguarda le cosiddette Aree di Sviluppo Industriale.

Si tratta, nello specifico, di un interessante progetto di cooperazione tra le regioni in questione, con la presentazione ufficiale che avrà luogo nel corso della giornata di domani presso il Palazzo del Consiglio Regionale lucano (si trova a Potenza). La conferenza è prevista in mattinata, con tanto di interventi molto importanti. Nel dettaglio, saranno chiamati a esprimere i loro giudizi e le loro valutazioni Vito Di Filippo, il governatore della Regione Basilicata, ma anche Roberto Ciambetti, assessore al Bilancio e agli Enti Locali per conto del Veneto, e Raffaele Zanon, numero uno di Veneto Innovazione.

In aggiunta, non bisogna dimenticare che i contenuti di questo progetto così interessanti verranno curati e presentati alle Autorità di gestione del Piano Operativo per il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (meglio noto con l’acronimo PO Fesr), più precisamente quello relativo al periodo 2007-2013, sia per il Veneto che per la Basilicata. Ma non ci si limiterà solamente a questo, come è ovvio che sia. In pratica, altri interventi di sicuro interesse saranno quelli dei vari soggetti istituzionali e imprenditoriali che sono attualmente attivi nelle Aree di Sviluppo Industriale: alcuni esempi sono quelli dei commissari dei Consorzi Aree Sviluppo Industriale di Potenza e Matera, oltre al Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova, in modo da far sentire più voci possibili in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>