Calcolato l’inquinamento precedente alla Rivoluzione Industriale

di Redazione Commenta

Siamo un po’ tutti abituati a pensare alla Rivoluzione Industriale come il periodo esatto in cui l’anidride carbonica è stata rilasciata in atmosfera in dosi massicce e mai viste fino a prima: per l’appunto, che cosa si sa dell’inquinamento di questo tipo prima del XVIII secolo? Un recente studio consente di rispondere alla domanda, visto che è stato creato un apposito modello climatico, in tutto e per tutto nuovo di zecca, che è in grado di calcolare la CO2 che è stata rilasciata in atmosfera prima degli anni “rivoluzionari”, quando cioè molti settori industriali cominciarono a espandersi in maniera decisa. I primi risultati sono stati davvero importanti e imprevedibili.

In effetti, è emerso in modo netto come la presenza di effetti dannosi e nocivi da parte delle emissioni sulla temperatura globale sia caratterizzato da un lunghissimo termine. Tale studio è stato pubblicato su Environmental Research Letters, il quale si occupa proprio di pubblicazioni scientifiche e della loro distribuzione a livello internazionale: il merito si deve tutto ai ricercatori che fanno parte della Carnegie Institution for Science di Washington. In pratica, il gruppo di ricerca in questione è stato protagonista della dimostrazione a cui si sta facendo riferimento, vale a dire che le emissioni precedenti alla Rivoluzione Industriale hanno causato circa il 9% dell’aumento della temperatura media che attualmente viene registrato.

Questo vuol dire che molti secoli fa c’erano dei quantitativi di anidride carbonica che erano emessi, anche se in porzioni molto limitate, ma ancora oggi riescono a essere influenti in maniera decisiva sul clima e sulle concentrazioni del biossido di carbonio. A questo punto non si può che riflettere su tale fenomeno, come ha anche sottolineato Julia Pongratz, una delle autrici dello studio in questione, anche perché si possono solo immaginare gli effetti tra moltissimi anni degli importi ben più consistenti che attualmente vanta l’anidride carbonica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>