IoT, Intel acquisisce l’italiana Yogitech

di Redazione Commenta


Il colosso statunitense dell’informatica Intel ha annunciato l’acquisizione dell’azienda italiana Yogitech. L’operazione rientra nel quadro delle strategie della società di Santa Clara nel sempre più ricco mercato dell’Internet of Things (IoT, Internet delle cose) e delle sue applicazioni nel settore automotive.

Nel breve comunicato con cui ha annunciato l’accordo per l’acquisizione di Yogitech, Intel ha sottolineato l’importanza delle applicazioni ‘functional safety’ (sicurezza funzionale) per migliorare la sicurezza in settori come il trasporto o la produzione industriale. L’integrazione di questi sistemi con la crescente diffusione della Internet of Things apre importati scenari tecnologici ed industriale tanto che Intel stima che già nel 2020 il 30% del mercato IoT richiederà sistemi di functional safety.

Tra le tecnologie di functional safety Intel sottolinea l’importanza delle soluzioni Advanced Driver Assistance Systems (ADAS) che aiutano gli automobilisti alla guida. Sono proprio sistemi ADAS a consentire oggi funzioni come il parcheggio assistito, la frenata d’emergenza anti-collisione ed il cruise control. E sempre da queste tecnologie deriveranno le future soluzioni per la guida autonoma che negli ultimi mesi stanno raccogliendo un crescente interesse generale.

L’acquisizione di Yogitech guarda proprio all’IoT applicato all’atomotive, alla robotica ed all’automazione. Fondata nel 2000 a Pisa, Yogitech ha proprio nel settore functional safety automobilistico il suo mercato di riferimento. La società opera anche nel settore ferroviario, dell’automazione industriale e nel campo biomedico.

Pur non fornendo dettagli sui progetti futuri, Intel ha già comunicato l’intenzione di inserire l’attività di Yogitech nella più ampia divisione Internet of Things Group di Intel Corporation.

[Via | Intel]
[Photo Credits | Intel]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>