Pompe industriali: Egger presenta la nuova ventola Turo Ta

di Redazione Commenta

L’ultima novità industriale lanciata da Egger & Co., società svizzera specializzata soprattutto nella manifattura di pompe centrifughe, si chiama Turo Ta. In pratica, si tratta di una ventola molto speciale da utilizzare appunto per il pompaggio delle acque reflue e di quelle “grezze”: la soluzione a cui si sta facendo riferimento è indicata soprattutto per quei comuni che presentano dei livelli elevati di concentrazione tessile, i quali tendono poi ad avvolgersi attorno alle piccole lamiere. La particolarità di Turo Ta consiste nel fatto che è essa è integrata in maniera completa nel sistema modulare delle pompe stesse.

In aggiunta, questa ventola è stata ottimizzata a tal scopo dal punto di vista idraulico. La necessità di tutto ciò può essere spiegata facilmente. In effetti, negli ultimi anni la composizione delle acque reflue ha subito un cambiamento drastico e drammatico, dunque la sfida principale è diventata quella di pompare nel miglior modo possibile. I problemi sono però ancora numerosi, visto che una situazione simile ha provocato la riduzione dell’acqua potabile per i bisogni quotidiani, con un consumo sempre più prudente. Particolare importanza è stata assegnata alla composizione mista di acqua e sabbia, visto che in tal caso bisogna prestare attenzione alla durabilità.

La resistenza all’abrasione, infatti, può essere influenzata dal design della pompa e della ventola, per non parlare del materiale. Turo Ta cerca appunto di venire incontro a entrambe le caratteristiche: il flusso viene considerato ottimale, con una ritenzione minima per quel che riguarda il materiale solido, soprattutto se si effettua un confronto con le soluzioni industriali alternative. Il cromo utilizzato è tre volte più resistente rispetto al ferro, altro elemento di cui tenere conto. Nel design, poi, sono stati messi a disposizione dei materiali resistenti e privi di acciaio, la scelta che viene ritenuta migliore per garantire la nuova circolazione dei flussi idrici nel corso della fase di purificazione biologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>