I portabottiglie in polpa di Eredi Caimi

di Simone Ricci Commenta

La Eredi Caimi è la Srl di Olgiate Olona (provincia di Varese) specializzata nella fornitura di sistemi per imballaggi industriali, scatole di cartone, bancali e pallets, tubi in cartone e angolari: l’ultima presentazione della società lombarda ha riguardato dei portabottiglie nuovi di zecca e realizzati in polpa. Nello specifico, sono state sfruttate delle cellule in pasta di cellulosa modellata, quella che viene anche chiamata “hardpulp” utilizzando il linguaggio anglosassone. Quali sono le caratteristiche di queste stesse cellule? Il rispetto dell’ambiente è pienamente garantito: in effetti, esse sono ecologiche, riciclate e riciclabili, ma anche biodegradabili e completamente impilabili, in modo da risparmiare sullo spazio in magazzino e per quello che è necessario durante il trasporto.

La scatola in questione presenta inoltre delle dimensioni interne pari a 455, 225 e 145 millimetri. In aggiunta, l’azienda olgiatese ha messo a disposizione il prodotto in due colonne da 1.600 unità su dei pallet filmati. La Eredi Caimi vanta ben mezzo secolo di tradizione e di esperienza nell’ambito degli imballaggi, due requisiti che hanno consentito di dominare in breve tempo il mercato di riferimento. Tra l’altro, la Srl di cui si sta parlando dimostra con questi nuovi prodotti di essere sempre al passo con le esigenze mutevoli della società tecnologica. Se un tempo, infatti, ci si rivolgeva soprattutto al comparto tessile per quel che concerne gli imballaggi, ora si fa riferimento al cartone, al polistirolo espanso e ad altre soluzioni molto interessanti.

Sono sostanzialmente cinque i valori dell’azienda. Anzitutto, c’è la qualità del rapporto con i clienti, sempre mirato a soddisfare le esigenze. La conoscenza tecnica, poi, è davvero elevata, tanto è vero che la Eredi Caimi sa sempre consigliare e suggerire da questo punto di vista. Non bisogna dimenticare, poi, l’organizzazione aziendale molto razionale, il coinvolgimento e la partecipazione su molte problematiche e l’affidabilità e garanzia per quel che concerne le economie strategiche di produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>