Archeologia industriale: le novità del Museo del Tessuto di Prato

di Redazione Commenta

La regione Toscana e l’archeologia industriale sono sempre più unite: l’ultima novità in questo senso è rappresentata dal nuovissimo polo museale che è stato da poco allestito a Prato, con tanto di servizi piuttosto innovativi pensati appositamente per i visitatori. Si tratta, nello specifico, del Museo del Tessuto del comune in questione, la cui inaugurazione risale a circa nove anni fa. In aggiunta, non bisogna dimenticare l’ultimo evento di rilievo che aveva coinvolto questa stessa struttura nel corso del 2009, vale a dire l’apertura ufficiale della Biblioteca. Ora, però, si volta pagina e si pensa a un nuovo modo di gestire allestimenti di questo tipo. L’obiettivo principale è quello di attrarre il maggior numero possibile di generazioni. Quali sono i cambiamenti più importanti in tal senso?

Anzitutto, si può cominciare a parlare dello spostamento dell’ingresso di questo museo; in pratica, si è compreso che quest’ultimo è un vero e proprio gioiello dell’archeologia industriale, più precisamente di quella dell’800, visto che secoli fa si trattava dello stabilimento tessile Campolmi. Per questo motivo, lo spostamento in questione è stato effettuato dalla zona in cui vi sono le mura cittadine che risalgono al periodo medievale, ma non bisogna dimenticare i nuovi servizi a cui faceva cenno in precedenza. Due esempi molto interessanti sono quelli della caffetteria e del bookshop, un chiaro incentivo alla cultura, tanto che si è scelto di presentare il tutto tramite un impianto tridimensionale che non è mai stato sperimentato in nessun museo toscano.

Il debutto è avvenuto nel corso della giornata di ieri, con una fruizione che è stata consentita ai semplici visitatori, ma anche ai gruppi e agli istituti scolastici. D’altronde, Prato è da sempre molto fiera della propria industria tessile: il settore è una vera e propria prerogativa economica della città, quindi si vuole proseguire nel solco lanciato in passato, aggiornandolo con le innovazioni più recenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>