Macchine agricole: il frangizolle

di Simone Ricci Commenta

Il frangizolle è l’attrezzo industriale di cui si serve il settore agricolo per sminuzzare e livellare il terreno prima della semina vera e propria: salvo casi speciali, a tale impiego sono destinati i rulli e gli erpici. I primi, oltre all’azione di frantumazione delle zolle di maggiori dimensioni, resistenti all’erpice, operano un’azione di compressione destinata a correggere l’eccessiva sofficità di alcuni terreni. I secondi, invece, provvedono alla ricopertura del seme e all’estirpazione delle erbe infestanti. Una tipologia molto interessane di erpice è senza dubbio quella a telaio rigido.

Tale macchinario risulta essere adatto per la prima rottura delle zolle e la livellazione del terreno dopo che è stata eseguita l’aratura; in pratica, esso monta come utensili di lavoro una serie di denti rigidi oppure di lame rigide o flessibili ordinatamente disposte su una struttura in metallo o in legno. Particolare è la disposizione dei denti a zig-zag negli erpici a telaio rigido con strutture metalliche a Z oppure a S, i quali in genere operano in sezioni articolate agganciate a una traversa anteriore. Gli erpici strigliatori, al contrario, sono del tipo snodato e costituti da una serie di utensili a denti, sottili e lunghi fino a diciotto centimetri, collegati in maniera flessibile per l’adattamento al terreno.

Gli erpici rotativi, poi, altrimenti detti anche frangizolle o polverizzatori, lavorano con utensili ruotanti folli e sono costituiti essenzialmente da semialberi, a due a due disposti a V o comunque inclinati, rispetto alla direzione di avanzamento. I rulli frangizolle sono di diverso tipo; quanto all’aspetto esterno, si possono presentare con la superficie ondulata, come i rulli caratterizzati da elementi ad anelli biconici, oppure molto frastagliata, come ad esempio il tipo Cambridge. Gli anelli contigui, folli sui loro mozzi, ruotano con velocità angolari differenti, esplicando un’azione auto-pulitrice anche quando si ha a che fare con terreni piuttosto umidi e adesivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>