Il Museo del Patrimonio Industriale di Bologna

di Redazione Commenta

Uno dei più interessanti musei di archeologia industriale del nostro paese si trova a Bologna: si tratta, nello specifico, del Museo del Patrimonio Industriale, una struttura che è capace di testimoniare e documentare in maniera perfetta come si è evoluta la storia economica e produttiva della città felsinea. La sede non poteva che essere una vecchia fornace che un tempo veniva sfruttata per dar vita ai laterizi e che poi è stata ristrutturata per nuove destinazioni.

L’idea del museo è nata quasi quaranta anni fa, quando il comune emiliano si decise a sfruttare una delle più antiche scuole tecniche della città, vale a dire l’Istituto Aldini-Valeriani, tanto da rendere possibile il recupero e l’esposizione di molti modelli, apparecchi, macchine industriali e documenti fotografici e librari di primaria importanza. Una delle principali mostre del museo si chiama, non a caso, “Macchine, scuola, industria”, ed è un percorso davvero stimolante per comprendere come sia evoluto il mestiere operaio, con le numerose testimonianze che permettono di porre l’accento sui contenuti della realtà industriale. I pezzi esposti in questa struttura sono oltre mille e la loro natura e provenienza sono tra le più variegate possibile: ad esempio, il visitatore potrà trovare plastici, strumenti scientifici, ma anche esibizioni di tipo interattivo, in modo da rendere il tutto ancora più fruibile. I prototipi industriali sono altrettanto fondamentali.

In effetti, i macchinari in questione sono stati donati dalle imprese locali in cambio di una adeguata valorizzazione, con dei percorsi espositivi che vogliono mettere in luce la storia dell’eccellenza e dell’innovazione per quel che concerne il distretto meccanico ed elettromeccanico locali; anche altri comparti sono presenti, in primis quello biomedicale e quello della motoristica. Insomma, si sta parlando di un museo che fa onore al patrimonio industriale di Bologna e che sfrutta al massimo l’esperienza maturata da altre istituzioni e le collaborazioni divulgative in relazione ai materiali che sono esposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>