Ozono per sanificare gli ambienti di produzione alimentare

di Daniela Ciabattini Commenta

Utilizzare una tecnologia non chimica per la sanificazione degli ambienti. L’idea viene dall’azienda nordamericana Dow Chemical Company e si basa sull’utilizzo dell’ozono per igienizzare gli ambienti nei quali vengono prodotti bevande e alimenti.

L’idea messa a punto dalla Dow Chemical Company si chiama Advanced Oxidation System (AOS) ed è, appunto, una tecnologia certificata e priva di sostanze chimiche per liberare le superficie degli ambienti nei quali vengono preparati e prodotti gli alimenti dagli agenti patogeni più pericolosi, come la Listeria, la Salmonella e l’Escherichia coli.

Un sistema efficace e non chimico in grado di agire in modo rapido e sicuro contro i principali batteri che possono formarsi nel cibo a seguito di una manipolazione sbagliata e che possono provocare grandi rischi per la salute dei consumatori e gravi rischi finanziari per le aziende produttrici di alimenti.

La tecnologia AOS ideata dalla Dow Chemical Company si basa sull’ozono, una molecola naturale composta da tre atomi di ossigeno; questa particella viene usata da anni per decontaminare, ad esempio, l’acqua potabile e che, ora, può essere applicabile anche alla sanificazione degli ambienti nei quali vengono prodotti gli alimenti.

Advanced Oxidation System sfrutta l’aria per produrre ozono e l’acqua per produrre umidità; il sistema inonda l’atmosfera con un vapore igienizzante che agisce in profondità entrando anche nelle aree nascoste, ma anche nelle attrezzature, negli scarichi, all’interno dei bocchettoni dell’aria condizionata e nei tessuti, il tutto senza lasciare residui di condensa.

Inoltre, la procedura può essere facilitata da un sistema automatizzato e personalizzabile adatto alle varie aree di produzione alimentare dell’azienda che decide di utilizzare l’ozono come metodo di sanificazione. Anche il disinfettante viene prodotto in base alle esigenze e i produttori tengono a specificare che non prevede l’uso di sostanze chimiche, insomma: un sistema green per la sanificazione delle aree produttive delle aziende alimentari.

 

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>