Pulizie industriali: la Cna Toscana illustra la rete Maret

di Redazione Commenta

La Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa della Toscana (Cna Toscana) ha messo in luce di recente un sistema davvero interessante per quel che concerne alcune specifiche attività delle aziende. Si tratta, nello specifico, di Maret, la rete che è presente sia nella regione appena menzionata che in tutto il territorio nazionale, con l’intento di potenziare il settore industriale relativo ai servizi integrati e alle imprese di pulizie. In effetti, questa specifica rete riesce a unire e raggruppare in maniera ideale le aziende cosiddette “multiservizi”, vale a dire quelle che si occupano di attività quali il giardinaggio, l’arboricoltura, la sanificazione e la disinfestazione: aggregare tutte queste imprese serve proprio per creare un soggetto unico in grado di competere sul mercato di riferimento.

Tra l’altro, si sta parlando di un’esperienza unica e innovativa per il nostro paese, con le società coinvolte che hanno sede proprio in Toscana, oltre a una di esse che è ubicata invece nella provincia di Parma: il tratto comune, tanto per ribadirlo ancora una volta, è l’appartenenza al comparto delle pulizie civili e industriali, ma non solo. Dove andrà a intervenire nel dettaglio Maret? Tra gli esempi più interessanti si possono citare senza dubbio le attività di aggiornamento professionale, la scelta di strategie comuni per quel che concerne il marketing, senza dimenticare l’ottimizzazione dei processi aziendali.

D’altronde, questo ambito merita una revisione da cima a fondo. In effetti, sono fin troppi i lavoratori in nero, circa 1,5 milioni e questo rappresenta un problema grave in relazione agli oneri che sono richiesti alle aziende in questione, oltre ai vari rischi che si corrono, come quello chimico, sanitario, sulla sicurezza e molti altri. Un’altra tematica di un certo rilievo riguarda il possibile inquinamento, dato che in gran parte dei casi i prodotti per la pulizia contengono acidi e sostanze tossiche che vengono disperse inesorabilmente nell’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>