Rivoluzione Industriale: l’eredità del Quarry Bank Mill

di Redazione Commenta

Una delle principali eredità industriali di tutto il Regno Unito è senza dubbio quella di Quarry Bank, villaggio delle West Midlands: è infatti in questo luogo che si può ammirare in che modo vivesse una comunità industriale ai tempi della Rivoluzione. A Quarry Bank si può respirare ancora quella atmosfera di tantissimi anni fa. Fortunatamente, sono possibili delle visite allo stabilimento tessile, il quale veniva sfruttato per la lavorazione del cotone, senza dimenticare che tale impianto era alimentato dalle ruote ad acqua più potenti di tutto il continente europeo.

Il rumore che viene prodotto dal tintinnio dei macchinari e dai motori viene considerato da molti sorprendente e stupefacente. Il tour guidato consente di ammirare la Apprentice House, vale a dire l’edificio che ospitava i fanciulli più poveri che poi lavoravano all’interno di questo mulino. La fondazione vera e propria dello stabilimento risale al 1784, lungo le rive del fiume Bollin. La ruota in ferro originale venne progettata da Thomas Hewes e costruita tra il 1816 e il 1820, la più grande di questo tipo in tutto il Vecchio Continente. L’ultimo anno in cui la ruota in questione continuò a funzionare fu il 1904: successivamente, il fiume continuò ad alimentare il funzionamento del mulino, ma avvalendosi di due turbine ad acqua.

L’impianto residenziale circostante fu invece sviluppato da Samuel Greg e si tratta della comunità più completa della Rivoluzione Industriale. Al giorno d’oggi sono possibili molte esperienze interessanti. Ad esempio, vi sono delle dimostrazioni su come il cotone veniva lavorato e trasformato in vestiti. La visita guidata, inoltre, permette di capire in che maniera si vivesse e lavorasse nel villaggio, un vero e proprio tuffo all’indietro nella storia. L’area naturale è stata più volte rinnovata e può essere sfruttata dai visitatori anche per un veloce picnic; infine, sono piuttosto consigliate le visite da parte delle famiglie nel corso della stagione estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>