Design industriale: Flos vince la sentenza sulla lampada Arco

di Redazione Commenta

Tante “scopiazzature” e mai un po’ di giustizia: finalmente la lampada Arco, uno dei migliori rappresentanti del design industriale del nostro paese a livello internazionale, è riuscita a scrivere una pagina importante della propria storia, anche se ci sono voluti ben sei anni di attesa. In effetti, ci ha pensato il Tribunale di Milano a invertire il trend a cui purtroppo ci si stava abituando. Entrando maggiormente nel dettaglio della sentenza, c’è da dire che il giudizio ha riguardato la società Flos contro la Semeraro Casa&Famiglia.

Il motivo del contendere è presto detto, vale a dire la commercializzazione non legittima di una lampada, denominata in questo caso Fluida, dal design identico a quello di Arco. La Flos è riuscita a conseguire questa fondamentale vittoria, un traguardo sudato e sospirato, visto che sono stati necessari numerosi interventi in relazione alla disciplina di riferimento, quella del Decreto legislativo numero 30 del 2005 (si tratta del Codice della proprietà industriale), il cui articolo 239 riguarda proprio i limiti alla protezione accordata dal diritto d’autore. Non si conoscono i contenuti precisi della pronuncia in questione, ciò nonostante si conosce qualche elemento determinante da tale punto di vista, in primis l’accoglimento delle domande che sono state avanzate da Flos e l’inibizione per quel che riguarda l’ulteriore importazione e commercializzazione.

Il procedimento cautelare della compagnia ideatrice della lampada era cominciato nel lontano 2006, dopo aver ottenuto la prova della contraffazione e della violazione del diritto d’autore. Il problema principale che ha fatto slittare così tanto la sentenza è stato senza dubbio la tutela dell’oggetto in questione, non garantita da alcuna registrazione. Di conseguenza, ci si è visti costretti a ricorrere alla Corte di Giustizia, in modo da fare maggiore chiarezza sulla disciplina da applicare in questo caso, un precedente che assumerà rilevanza anche nelle future situazioni in cui saranno coinvolte delle opere di design industriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>