Una mostra sul ruolo del colore nel design industriale

di Redazione Commenta

Da ieri è partita la rassegna artistica dedicata al colore nel design con Francesca Valan, evento che durerà fino al prossimo 21 aprile presso la Galleria Regionale di Arte Contemporanea Luigi Spazzapan di Gradisca d’Isonzo (provincia di Gorizia). Di cosa si tratta esattamente? Gli appuntamenti previsti in tal senso sono due. La giornata di ieri è stata incentrata sul linguaggio cromatico, più precisamente il ruolo del colore nell’ambito del design industriale dagli anni Cinquanta ad oggi.

In effetti, bisogna ricordare che le preferenze che si hanno dal punto di vista cromatico dipendono essenzialmente da dei cicli che sono costanti e che possono anche essere misurati. In pratica, si tratta di una disciplina che non è molto conosciuta, anche perché si è affermata solamente negli ultimi anni. Non è un caso che i colori sfruttati in ambito commerciale e industriale siano utili per venire incontro alle esigenze cromatiche del mercato. Il pomeriggio di ieri, inoltre, si è caratterizzato per il laboratorio intitolato “Mettiamo in ordine i colori?”. Il secondo appuntamento è previsto, come già anticipato, fra due settimane.

Il tema centrale sarà quello della scelta tra il colore iconico e quello sintattico, in modo da approfondire la relazione che intercorre tra il colore stesso e il suo supporto. Nel dettaglio, vi sono degli oggetti di design industriale che non riescono a mantenere la loro identità quando cambiano il colore, mentre ve ne sono altri che si ricollegano a un colore e che sono in grado di rimanere identici nella percezione anche in presenza di determinate modifiche. Francesca Valan è una industrial designer che si è specializzata nella definizione dell’identità di prodotto progettando i colori, i materiali e le finiture. Si occupa anche di infanzia con mostre e attività destinate proprio alle scuole, senza dimenticare la progettazione di spazi per i bambini. Infine, insegna presso l’Istituto Europeo di Design (Ied) di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>