Ozieri: l’ex centrale elettrica diventa una pinacoteca

di Redazione Commenta

È ormai un dato di fatto, l’archeologia industriale e l’arte sono strettamente collegate tra loro.

Uno degli esempi più brillanti di questi ultimi tempi è sicuramente l’ex centrale elettrica di Ozieri (provincia di Sassari), un vero e proprio tesoro dal punto di vista industriale che si è trasformato progressivamente in una pinacoteca comunale: non a caso, la scorsa settimana è stata inaugurata una nuova mostra, mentre è prevista per i prossimi mesi l’apertura della Sala “Giuseppe Altana, in cui verranno accolte le opere di questo artista locale.


Il progetto della pinacoteca era stato avanzato già da diverso tempo e il fatto che gli abitanti di Ozieri abbiano visitato così spesso questa struttura ha dimostrato come potesse trattarsi di una iniziativa di successo; la vecchia centrale ha le dimensioni e le infrastrutture giuste per far fruire al meglio l’arte in tutte le sue forme insomma.

In effetti, vi sono molte sale ampie che consentono di disporre le opere più grandi, inoltre si viene immediatamente colpiti dall’incredibile relazione che esiste tra ciò che è rimasto dell’antica storia industriale, l’archeologia, l’ambiente e il territorio. Ci sono, infine, sale più piccole, quelle destinate alle pitture private e personali, ma anche esse testimoniano la produttività industriale del passato di Ozieri.