Reggio Calabria, alla scoperta dell’archeologia industriale

di Redazione Commenta

La provincia di Reggio Calabria è la protagonista assoluta di un corso che ha visto coinvolte diversi istituti e scuole, con l’intento preciso di riscoprire l’archeologia della zona.

Ovviamente, anche quella industriale ha avuto un ruolo fondamentale in tal senso. Il corso in questione, la cui denominazione precisa è “A passeggio con la storia: uomini, luoghi e segni del Risorgimento in Calabria”, è stato l’occasione per riscoprire un passato territoriale davvero ricco e prezioso, magari con personaggi ed episodi poco noti e non diffusi nei libri di storia.

La pulizia dell’area archeologica Griso-La Boccetta ha poi permesso di riscoprire il lato industriale: le filande di Cannitello, ciò che rimane dell’industria dell’olio a Seminara, i vari reperti nascosti e protetti dagli ulivi di Taurena, ma anche le ferriere di Mongiana, vero e proprio simbolo dell’industria che dominava prima dell’unità d’Italia, sono state le tappe principali di un tour affascinante e ricco di emozioni.

La sensibilizzazione della gente alle tematiche ambientali e culturali passa anche e soprattutto da queste iniziative: in particolare, i settori meritano un rilievo sempre molto attento e il fatto di unire la storia risorgimentale a quella industriale è senza dubbio azzeccata, una passeggiata nel tempo di cui bisognerebbe sentire parlare più spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>