Settore nautico: i prodotti industriali di Filp Spa

di Simone Ricci Commenta

Il nome Filp fa immediatamente pensare alla società per azioni che è attiva da oltre mezzo secolo nella produzione di materiali compositi termoindurenti: la compagnia in questione è solita sfruttare diversi tipi di supporti, come ad esempio la carta, i tessuti naturali e il vetro, impregnando il tutto con le proprie resine sintetiche. In questa maniera, è possibile ottenere una gamma molto ampia di prodotti davvero interessanti.

Uno dei principali materiali che sono ottenuti attraverso tale procedimento è senza dubbio il FilpDeck: di cosa si tratta esattamente? Questo materiale composito viene sfruttato per i rivestimenti esterni (il decking appunto), un prodotto innovativo che è riuscito a ottenere un buon successo di pubblico sia in ambito civile che nel comparto nautico. FilpDeck si caratterizza soprattutto per le diverse possibilità di applicazione, grazie alle sue altissime proprietà di resistenza meccanica, agli agenti atmosferici, oltre alla semplicità di lavorazione e alla gradevolezza dal punto di vista estetico. Tra l’altro, questa soluzione è una alternativa molto valida per i rivestimenti esterni, con la sua tecnologia evoluta e ben sviluppata. Fra le diverse caratteristiche meccaniche possiamo menzionare senza dubbio la flessione, la torsione, la resistenza agli urti (maggiore rispetto al legno o alla plastica) e molte altre.

Alcune installazioni di FilpDeck, poi, sono letteralmente impensabili se si ha a che fare con il legno o con i materiali plastici, senza dimenticare le ottime durata e manutenzione. La sicurezza, inoltre, è un ulteriore punto a favore, visto che le caratteristiche di antiscivolosità sono eccellenti. L’ecologia, infine, è un aspetto che va approfondito. FilpDeck viene ottenuto attraverso l’impregnazione di tessuti naturali, come il cotone, il lino e la canapa, di conseguenza per la sua realizzazione non viene abbattuta neanche una pianta. Filp Spa, infatti, ha voluto rispettare l’ambiente cercando un’alternativa valida al legname, un modello da seguire per chiunque voglia unire natura e materiali sintetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>