Design industriale: muore Sori Yanagi, inventore dello sgabello Butterfly

di Redazione Commenta

Con la morte di Sori Yanagi, il design industriale perde uno dei massimi esponenti mondiali del XX secolo: il designer giapponese venne considerato a ragione uno dei pionieri in questo campo, visto che riuscì a dar vita a oggetti che ancora oggi vengono ricordati come rivoluzionari da molti punti di vista. Yanagi era nato a Tokyo nel 1915 e si fece le ossa dal 1940 al 1942 nell’ufficio di un altro designer, vale a dire Charlotte Perriand. Il momento più alto della sua carriera è datato senza dubbio 1952, quando vi fu la fondazione dello Yanagi Industrial Design Institute, un istituto dedicato proprio a lui e che contribuì alla creazione di molti oggetti piuttosto famosi. In particolare, questa struttura fu capace di “sfornare” un numero piuttosto prolifico di articolo di uso comune e quotidiano, oltre a moltissimi oggetti da arredamento di pregevole fattura e praticità.

Il merito dell’artista nipponico è stato quello di combinare in modo perfetto le forme organiche ai disegni industriali dei paesi occidentali, senza mai dimenticare quanto appreso dalle tradizioni artigianali del suo paese natale. L’elenco delle creazioni è comunque molto lungo e ricomprende anche prodotti realizzati in vetro, illuminazioni varie, posate per la tavola, giocattoli destinati ovviamente ai bambini, ma anche stazioni della metropolitana, autovetture e motociclette, un curriculum di tutto rispetto.

Un’altra data fondamentale della sua vita è stata sicuramente il 1977, quando vi fu l’incarico come direttore del Japanese Folk Art Museum di Tokyo, il coronamento di una grande carriera che non poteva non avvenire in patria. I design industriali di Yanagi sono ricordati ancora oggi come vere e proprie icone, in particolare il suo oggetto più famoso, lo sgabello Butterfly, trionfatore della Triennale di Milano del 1957 e attualmente visibile presso il Moma di New York. Il merito di questo sgabello sta soprattutto nel mix perfetto tra semplicità, utilità e creatività artistica, tre caratteristiche tipiche dei suoi lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>