La situazione allarmante dell’area industriale di Porto Torres

di Redazione Commenta

È un rapporto allarmante quello stilato dalla sezione sassarese di Legambiente per quel che riguarda la zona industriale di Porto Torres: secondo l’associazione ambientalista, infatti, non è stata posta in essere nessuna bonifica del sito sardo in questione, per non parlare delle aree che sono state messe in sicurezza (attualmente ammontano ad appena il 66% del totale). Bisogna ricordare che si sta parlando di un’area dell’isola che fino agli anni Cinquanta, dunque appena sessanta anni fa, era caratterizzata da un predominio indiscusso del settore primario. Negli anni Sessanta, poi, si decise di sfruttarla maggiormente dal punto di vista industriale.

Sono ben undici anni che le zone industriali di Porto Torres sono state considerate un interesse nazionale meritevole della bonifica di cui si sta parlando, sia per quel che riguarda la terra che per il mare. In aggiunta, non bisogna dimenticare quelle zone che sono state sfruttare per la discarica di rifiuti industriali dall’alto potenziale tossico e nocivo, vale a dire Minciaredda, Cava Gessi e Calancoi, in cui si sono accumulati anni e anni di scorie. L’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale (Arpa) ha analizzato a fondo le varie sostanze, un lavoro che ha consentito di scoprire la contaminazione del suolo, provocata in larga misura dai metalli pesanti, dagli idrocarburi (sia quelli leggeri che quelli pesanti), senza dimenticare i solventi e gli idrocarburi rilevati nella falda acquifera (il mercurio e il cadmio l’hanno fatta da padroni).

La contaminazione dell’ambiente è quindi un dato di fatto, ma con l’inerzia che dura da troppo tempo si rischia di non risolvere mai il problema. Le bonifiche ambientali vanno concluse fino alla fine, altrimenti l’utilizzo che se ne fa risulterà sempre dannoso. Il 66% della messa in sicurezza va senza dubbio ampliato, oltre al fatto che si può fare affidamento solo sul 77% dei piani di caratterizzazione delle matrici e sul 58% di aree per cui è stato presentato un progetto di bonifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>