L’Università di Bologna presenta il corso in Design del Prodotto Industriale

di Redazione Commenta

L’Università di Bologna ha presentato ieri in via ufficiale un corso di laurea davvero interessante: si tratta del corso di durata triennale in Design del Prodotto Industriale, il quale verrà attivato per la prima volta in assoluto a partire dal prossimo anno accademico (il 2013-2014 dunque). La cura e la gestione del corso sono affidati, nello specifico, al Dipartimento di Architettura dell’ateneo felsineo e alla Scuola di Ingegneria e Architettura. Tra l’altro, esso è stato pensato per un numero ristretto di studenti, visto che sono disponibili cento posti solamente.

In aggiunta, si potrà fare affidamento sulla collaborazione di due aziende molto importanti a livello globale per quel che riguarda il settore del packaging: si tratta di Gd, la quale ha sede a Cernusco sul Naviglio (provincia di Milano), e di Ima (Industria Macchine Automatiche), Spa di Ozzano dell’Emilia (Bologna). Queste due compagnie andranno quindi a finanziare il percorso di studi per la formazione di manodopera specializzata e profili professionali di alto livello, due figure che attualmente sono piuttosto latitanti nel mercato del lavoro. I due assegni in questione ammontano a 900mila euro in totale, denaro che sarà sfruttato per allestire laboratori e migliorare la formazione degli studenti. Non mancheranno i periodi di stage aziendali, una buona pratica.

Come ha spiegato il rettore dell’Università bolognese, Ivano Dionigi, l’iniziativa sarà utile in questo periodo di crisi, soprattutto dal punto di vista occupazionale. Le due aziende si attendono ora vantaggi concreti, puntando su un design industriale che possa essere solido in senso tecnico, ma anche per quel che concerne la conoscenza delle esigenze delle imprese. Si sta parlando, infine, di un test fondamentale per le nuove modalità di progettazione dei corsi che sono state introdotte dall’ultima riforma: il corso in questione deve essere sostenibile e composto da un numero congruo di studenti, senza dimenticare la risposta che deve essere data alle esigenze del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>